Come scegliere l’usato: con la Auris ibrida sfidi i blocchi del traffico

Scegliere l’ibrido di seconda mano
Le offerte più interessanti

Chi teme i blocchi del traffico e vuole fare attenzione all’impatto ambientale della propria vettura si trova a disagio oggi a causa dei prezzi delle vetture elettriche e ibride plug-in. Se per questi tipi di motorizzazioni è ancora presto per avere un mercato dell’usato di una certa rilevanza, lo stesso non si può dire per le Auris ibride. Oggi qualsiasi concessionaria di auto usateche si rispetti ha a disposizione, almeno in alcuni periodi dell’anno, una di queste vetture. Pratiche, perfette per tutta la famiglia, soprattutto nella versione Touring, nel nuovo listino Toyota è stata sostituita dalla Corolla, ma le Auris ibride in circolazione sono ancora molte, perfette per l’utilizzo in città.

Il costo di una Auris usata
Perché preferire la seconda mano
Agli italiani piace l’usato

Tra coloro che preferiscono scegliere un’auto usata un buon numero lo fa per una questione prettamente economica. Non si tratta di voler spendere poco, ma semplicemente di dare il giusto valore al proprio denaro, ottenendo il massimo possibile con il budget a disposizione. Negli ultimi anni gli italiani che hanno preferito l’usato sono stati in costante aumento, tanto che oggi nel nostro Paese si scambiano più vetture usate di quante non siano quelle nuove che ogni anno arrivano su strada. Stiamo parlando di un fenomeno da correlare anche al prezzo crescente delle vetture nuove e all’aumento del ricambio delle autovetture, causato dalle nuove regole per la circolazione di auto diesel e benzina di vecchia concezione. Con un’auto ibrida si risolvono anche tutti questi problemi, oltre al fatto che scegliendo l’usato si diminuisce la spesa oggi, per avere magari un budget più elevato per la scelta di un’auto elettrica domani.Scegliere le offerte migliori
Le proposte reperibili in rete
Le offerte dei privati

Tra le offerte che si possono trovare online una buona percentuale viene pubblicata da privati cittadini; non perché si diffidi di questi soggetti, ma conviene ricordare che spesso un privato che cerca di proporre la propria vettura online ha l’intenzione di ottenere un prezzo maggiore rispetto alla quotazione di mercato. Le proposte dei concessionari poi sono molto più ampie e variegate, con un buon numero di modelli ibridi ideali per l’utilizzo quotidiano. I concessionari sono poi obbligati per legge a garantire, per almeno 12 mesi, ogni mezzo proposto; questo significa che le auto di seconda mano proposte in Italia dagli autosaloni sono tutte verificate e controllate in ogni minimo particolare. Il concessionario propone poi anche auto a chilometro zero, così come una scelta ampia per quanto riguarda colore della carrozzeria, motorizzazioni, allestimenti interni, cosa che ovviamente un privato non ci può proporre. Scegliere un’auto di seconda mano da un privato significa poi anche sobbarcarsi tutte le questioni burocratiche che stanno dietro al passaggio di proprietà, cosa che può portare via una buona quantità di tempo, in modo del tutto inutile. Meglio quindi andare in un autosalone che offre auto di seconda mano per fare una scelta ponderata dei modelli disponibili. e 7 Colorful